"News dal settore Energy Management"

Un nuovo bando per le comunità energetiche rinnovabili (CER)

photovoltaic-gdf8b24135_1920

Incoraggiare l’adozione di nuovi approcci di innovazione sociale per contrastare la povertà energetica. È questo l’obiettivo principale di un nuovo bando da 10 milioni di euro dell’European Social Fund+, il principale strumento finanziario con cui l’Unione europea sostiene l’occupazione negli Stati membri e promuove la coesione economica e sociale.

Nello specifico, il bando, intitolato “Social innovations for a fair green and digital transition” (ESF-2022-SOC-INNOV), vuole incentivare azioni concrete in grado di contrastare la povertà energetica e promuovere modelli di comunità energetiche rinnovabili costituite dal basso. 

Come detto in precedenza, con una dotazione finanziaria complessiva di 10 milioni di euro, la misura finanzia progetti che mirano a promuovere l’inclusività e l’equità della transizione verde e digitale in contesti come istituti scolastici, centri di formazione, aziende e comunità locali.

Le attività finanziabili dal bando comprendono, ad esempio, azioni per aumentare la consapevolezza e l’accettazione della transizione verde, sostenere la diffusione e l’uso di nuove tecnologie verdi o tecnologie digitali, la creazione e il miglioramento dei network per lo scambio di buone pratiche, lo sviluppo e il test di approcci integrati per sostenere e accelerare il cambiamento verso una maggiore sostenibilità energetica. 

I progetti per essere ammessi devono testare e/o incentivare nuovi strumenti o modelli alternativi di produzione, distribuzione e consumo di energia (come ad esempio  l’autoconsumo) o altri modelli di business basati sulla comunità energetiche rinnovabili (CER).

La Commissione prevede di finanziare da quindici fino un massimo di venti progetti. La Commissione si riserva il diritto di non assegnare tutti i fondi disponibili o di ridistribuirli a seconda delle proposte pervenute e dei risultati della valutazione.

I beneficiari del bando sono gli enti pubblici o privati con personalità giuridica, le organizzazioni senza scopo di lucro, gli enti del terzo settore. le autorità pubbliche, gli istituti di ricerca, le università e le realtà imprenditoriali private. 

C’è tempo fino al prossimo 2 agosto 2022, data ultima per presentare le candidature 

Il testo del bando è consultabile al seguente link

Per ulteriori informazioni, invece, è possibile visitare il sito della Commissione europea.